Tempo di Agire

Mi rivolgo ai miei lettori, che vogliano girare questo appello ad altri amici con la speranza di continuare tale catena virtuosa in felice progressione. Non possiamo lasciare solo chi si impegna nell’informazione su temi spinosi e segretati mettendo a rischio la propria incolumità. Dobbiamo agire.

Leggi il resto dell'articolo

La disbiosi ed il cibo che cura - informazioni su dieta GAPS e dieta paleolitica


Per informazoni sul metodo di cura della dottoressa Campbell-McBride (basato sulla dieta e sui probiotici) vedi http://disbiosi.blogspot.it/

giovedì 4 settembre 2008

Morire di carcere a 22 anni , fra percosse e psicofarmaci

Riporto il seguente articolo dal sito http://www.toscanatv.it/ dove è possibile visionare anche un video sull'ennesimo orrore nelle galere italiane: un giovane di 22 anni che muore in carcere fra percosse e psicofarmaci somministrati coattivamente.



Morire a 22 anni dietro le sbarre 02/09/2008
Alla ricerca della verità. Sono arrivati a Firenze stamani Angelo Eliantonio e Iolanda Pinto perchiedere giustizia nei confronti del nipote Manuel morto a 22 anni lo scorso 25 luglio nel carcere Marassidi Genova ufficialmente per suicidio, ufficiosamente, si teme, per percosse.
Sono venuti dalla provincia diTorino nel capoluogo toscanodove ha sede l''Associazione per i diritti violati' per avere delle risposte agli atroci dubbi che da mesi lacerano i loro animi, da quando il ragazzo (arrestato lo scorso 25 marzo per furto d'auto) lamentava continue botte da parte dei secondini oltre a un trattamento disumano fatto di isolamento, psicofarmaci e ricatti.
Manuel era stato condannato a 5 mesi di carcere per resistenza a pubblico ufficiale, il 5 agosto sarebbe dovuto uscire. Perchè allora cercare la morte, che secondo il carcere ligure sarebbe stata causata dalle esalazioni di gas del fornellino che il giovane utilizzava per riscaldare i pasti nella sua cella? Troppe dunque le incognite intorno alla morte di Manuel Eliantonio, un pezzo di cuore per i nonni che lo hanno cresciuto e che non si arrendono di fronte ai paletti che continuano ad incontrare nella ricerca della verità. Hanno protestato di fronte al carcere genovese Marassi, sono riusciti ad avere delle fotografie, scattate da un cugino di Manuel di nascosto all'obitorio. Immagini forti, che parlano da sole e che mostrano un corpo pieno di lividi, con un inconfondibile tatuaggio che sottolinea la veridicita' del cadavere.

7 commenti:

BOJS ha detto...

Caro Corrado,

soffro molto nel vivere il male che si pepreta nel mondo e che spesso (molto più di quanto si pensa) rimane occultato.

Anni fà conosevo un paio di persone che lavoravano come secondini presso il carcere di Viterbo ... bè ti posso assicurare che al Bar raccontavano [ridendo!] delle storie di percosse che mi facevano rabbrividire.

Ecco... queste sono alcune delle cose per cui la gente dovrebbe chiedere GIUSTIZIA e non invece gridare al lupo.. al lupo.. per il laduncolo di turno. Che seppur compie un'azione da CONDANNARE non per questo deve essere trattato come un'infame ... ma chi UCCIDE riceverà la stessa sorte..!!

La Giustizia non è ancora di questo mondo.. ma ESISTE e ci sarà per TUTTI ... potenti, ricchi, governanti, sudditi, ecc. NESSUNO pensi di SFUGGIRE al Tribunale Supremo a cui dovranno rendere conto!

Cosa possiamo fare nel frattempo?

Inviamo tutti una lettera di condanna e di sdegno al Direttore del carcere e nel contempo inviamo un telegramma di solidarietà ai familiari della vittima ... perchè di fronte a Dio siamo tutti uguali.

Fammi sapere...


Un caro saluto.


B O J S

Anonimo ha detto...

....male - fa molto male....Maria

Attentialweb ha detto...

Benvenuti a Genova, dove nelle patrie galere avviene di tutto e di più! (per altre notizie, vedi G.8)

CHECCOBERNA ha detto...

è successo ad un mio amico, marcellino, ufficialmente suicidio, ma tutti sanno che lo hanno ucciso in cella.. ed ho paura per un altro mio amico, tuttora in cella in attesa di giudizio. Uno solo può aiutarci....

Maria Eliantonio ha detto...

MANUEL é STATO UCCISO!

corrado ha detto...

difficile dubitarne

Anonimo ha detto...

vi ringrazio per i vostri commenti,e importante che a quegli assassini,torturatori,giuga l'eco della nostra condanna visto che al momento con la giustizia tutto tace.Per MANUEL e per tanti altri seglalate con ogni mezzo diffondete la notizia Manuel è stato UCCISO.La sua mamma